Equidistante dal centro

equidistante-dal-centro3

Questo bel titolo geometrico introduce la mostra sulle “visioni della mistica del cerchio” espressa nei gioielli degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna e di Ravenna e presentata nello spazio dell’Oratorio di San Rocco a Padova.

equidistante-dal-centro10

Il catalogo della mostra a cura di Emanuela Bergonzoni e Mirella Cisotto Nalon, edito da Nuova Grafica

equidistante-dal-centro5

Sono opere prime, prototipi selezionati tra quelli realizzati da un centinaio di studenti del corso di Design del gioiello di Emanuela Bergonzoni. “Quello che è importante precisare – spiega la professoressa – è che i gioielli sono stati realizzati in corsi da sessanta (solo! ndr) ore e che in alcuni casi lo studente ha rifrequentato il corso  e concretizzato una seconda proposta”.

equidistante-dal-centro6 equidistante-dal-centro12 equidistante-dal-centro4

È fondamentale, a mio parere, dare rilievo a progetti come questo che mettono in luce il potenziale delle arti applicate insegnate nei contesti delle Accademie di Belle Arti italiane: troppo spesso tuttavia per mancanza di strumenti, aule, tempo, e, più in generale di mezzi, questo potenziale rimane tale cioè inespresso. Eh sì, fa male il dito nella piaga.

equidistante-dal-centro8 equidistante-dal-centro7

Nella mostra sono presenti alcuni progetti di tesi e produzioni di studenti per i quali il gioiello è diventato centrale nel proprio percorso lavorativo. I pezzi esposti sono rappresentativi un po’ di tutti i materiali (metalli, legno, camera d’aria, piume, vetro…) e delle tecniche che si possono approcciare nelle famose sessanta ore di corso: cera persa, microfusione, fusione in osso di seppia, saldatura, incollaggio e ne cito solo alcune.

equidistante-dal-centro11

Emanuela Bergonzoni, docente di Design del gioiello nelle Accademie di Belle Arti di Bologna e di Ravenna

equidistante-dal-centro2

equidistante-dal-centro equidistante-dal-centro1

Da idea, la mostra è diventata realtà grazie all’energia e determinazione di Emanuela Bergonzoni e al sostegno illuminato del Comune di Padova e della curatrice Mirella Cisotto Nalon che da anni come sappiamo rappresentano un punto di riferimento solido per il gioiello contemporaneo non solo padovano!

Valeria Accornero

I am a journalist with a passion… in this online space I describe what I see and what I love about contemporary jewellery: its artists, the art works and the places. I share my personal notes, creating a sort of "newspaper" of what I recon is most worthy

Related Posts

Discussion about this post

Leave a Reply