Carlo Zini: giochi da ragazze!

Continua il viaggio di Bianca Cappello, storica del gioiello, nel mondo dei grandi bigiottieri italiani. In questa tappa si sofferma sul milanese Carlo Zini che con i suoi strass coloratissimi, smalti, pietre dure e una esplosione di fantasia è stato soprattutto dagli anni Ottanta un punto di rifermento di una creatività variopinta e visionaria alla quale si sono affidati nomi della moda come Enrico Coveri, Curiel e Moschino.

Carlo Zini: il girocollo Polipi con cristalli e vetri, 2005

Ecco quindi la mostra al Museo del Bijou di Casalmaggiore (che si conclude il 4 giugno, sbrigarsi!) e il libro catalogo edito da Universitas Studiorum che ripercorre questa bella avventura di un entusiasta e abile artigiano apprezzato dalle grandi della canzone come Tina Turner e Mina, ma anche da personaggi politici come Margaret Thatcher.

Carlo Zini: collana, orecchini e bracciale Pappagalli con smalti e cristalli, Ornamenta, anni Novanta

Carlo Zini: collana, orecchini e bracciale Pappagalli con smalti e cristalli, Ornamenta, anni Novanta

Io adoro tutta serie degli animali: il polipi e i pappagalli in particolare, ma anche le imponenti rane e il pesce. È una cascata sognante lo strangolino di stelle e mezze lune!

I bozzetti preparatori e il bijoux realizzati in stile egizio con metallo dorato, resina, pasta vitrea, smalto, pietre dure, 1980

I bozzetti preparatori di Carlo Zini e il bijoux realizzati in stile egizio con metallo dorato, resina, pasta vitrea, smalto, pietre dure, 1980

Sopra, lo strangolino in metallo rodiato, cristalli e resina, 1985, Carlo Zini
Valeria Accornero

I am a journalist with a passion… in this online space I describe what I see and what I love about contemporary jewellery: its artists, the art works and the places. I share my personal notes, creating a sort of "newspaper" of what I recon is most worthy

Related Posts

Discussion about this post

Leave a Reply