Esther Assouline: piccoli cenni di antichità

Sono piccolissime perle, la minuscola rana, il ridottissimo occhio di Horus, fibule, scarabei dell’antico Egitto acquisiti all’asta e collezionati negli anni che Esther Assouline è “riuscita” a far rivivere come elementi dei suoi gioielli. Erano rimasti per così dire nel cassetto per un po’ anni, difficili oggetti, stracarichi di storia, un po’ talismani ai quali si deve un certo rispetto! E allora come integrarli in un gioiello creato ora senza disperderne la magia, ma facendo loro attraversare i secoli garantendone una vita nell’oggi? Tutto alla fine è avvenuto con naturalezza. E’ nata una collezione di una ventina di pezzi unici, soprattutto orecchini lunghi e sottili collane ove gli elementi si mescolano sempre con un ritmo armonico, con leggerezza minuziosa. E l’occhio si perde a cercare i dettagli. Fino al 13 luglio 2018 alla Galerie Elsa Vanier a Parigi per celebrare i 10 anni di creazione e esplorazione dell’artista.

Valeria Accornero

I am a journalist with a passion… in this online space I describe what I see and what I love about contemporary jewellery: its artists, the art works and the places. I share my personal notes, creating a sort of "newspaper" of what I recon is most worthy

Related Posts

Discussion about this post

Leave a Reply